Home»DendroBlog»a proposito di piante»Ortensia rampicante: Hydrangea petiolaris pianta poco nota, ma di sicuro effetto

Ortensia rampicante: Hydrangea petiolaris pianta poco nota, ma di sicuro effetto

3
Shares
Pinterest Google+

Sapevate che esiste un’ ortensia rampicante? Anzi ne esistono almeno due specie, oltre ad alcune varietà. Si tratta dell’Hydrangea petiolaris e dell’Hydrangea seemanii, bellissime ortensie in grado di ricoprire completamente ampie superfici verticali.


Come si sviluppa l’ortensia rampicante

L’accrescimento in altezza avviene grazie a piccole radici aeree, molto simili a quelle dell’edera. Si tratta di veri e propri ancoraggi, molto meno invasivi però di quelli propri di altre rampicanti, tanto da garantire l’elegante copertura di pareti, manufatti o graticciati, senza causare danni alla struttura nel tempo. Le ortensie in questione non si dimostrano adatte alla realizzazione di pergolati.

Nei primi anni è importante indirizzare la crescita dei giovani tralci, fissandoli e distribuendoli in modo omogeneo sulla superficie da colonizzare. Aiuto importante in tal senso sarebbe fornito dalla presenza di un graticciato. In condizioni ottimali possono raggiungere addirittura i 20 metri di altezza.

Particolare di un fiore di hydrangea petiolaris, un'ortensia rampicante - DendroLabs.com


Hydrangea petiolaris e Hydrangea seemanii, due piante poco note.

La prima è una ortensia sarmentosa, perenne, decidua originaria del Giappone, mentre la seconda è un’ortensia sarmentosa, perenne, sempreverde originaria del Messico. Sono entrambe piante a fiori bianchi o bianco-crema, raccolti in infiorescenze piatte (dette corimbi), che possono raggiungere i 25 centimetri di diametro. La fioritura si ha solitamente tra giugno e luglio, per una durata complessiva di circa un mese.

La principale differenza tra le due specie è dovuta al fatto che la petiolaris è caducifoglia, mentre la seemanii è sempreverde. Possiedono un fogliame di color verde brillante, ma l’H. petiolaris in autunno si “veste” completamente, subito prima della caduta delle foglie, di un giallo oro molto decorativo. Le foglie sono di forma ovale/ellittica e a margine dentato o semi-dentato. La prima si distingue per fioriture più copiose e per una maggiore rusticità.

Ortensia rampicante. L'Hydrangea petiolaris è di sicuro effetto - DendroLabs.com
Ortensia rampicante: esemplare di Hydrangea petiolaris. Pianta elegante e poco esigente.

Coltivazione delle ortensie rampicanti

La H. petiolaris e l’H.seemanii sono ortensie relativamente facili da coltivare, che si giovano ovviamente di una buona disponibilità idrica. Sicuramente da aiutare nei mesi più caldi, innaffiando regolarmente, ma evitando nel modo più assoluto asfissie radicali a causa di ristagni idrici.

Tollerano l’ombra, ma vegetano al meglio in mezza ombra, dove forniscono il meglio per quel che riguarda la fioritura. L’opzione della coltivazione in pieno sole è plausibile solo in siti più freschi e caratterizzati da una certa umidità dell’aria. Le Hydrangee in questione resistono abbastanza bene alle basse temperature.
Il terreno ottimale e quello tipico delle acidofile; più sarà ricco, profondo e ben drenato il substrato e più copiosa sarà la fioritura. Possono essere impiegate anche come tappezzanti sotto alberi anche di notevoli dimensioni, pena però una certa riduzione della fioritura proprio perché più in ombra.
Durante il periodo di fioritura, per sostenere le piante, è opportuno somministrare concime in fertirrigazione, almeno due volte al mese.

La Hydrangea petiolaris infine si presta anche per essere coltivata in vaso, sempre però essendo generosi nella scelta delle dimensioni del contenitore e selezionando il miglior terriccio per ortensie.

L'Hydrangea petiolaris e l'Hydrangea seemanii sono due ortensie tipicamente rampicanti - DendroLabs.com


Esigenze dell’ortensia rampicante

In conclusione riassumiamo in breve le esigenze e alcune caratteristiche salienti dell’ortensia rampicante:

  • luce: vegetazione ottimale in mezza ombra, ma tollera molto bene anche la piena ombra;
  • acqua: esigente, soprattutto d’estate o in stazioni poco fresche;
  • riproduzione: talea;
  • terreno: ricco, ben drenato e tendenzialmente acido;
  • altezza: può raggiungere i venti metri;
  • fioritura: abbondante (soprattutto la H. petiolaris), ma della durata massima di un mese;
  • colore: bianco, bianco avorio, bianco crema.

Se l’argomento e quest’articolo vi sono piaciuti ditecelo commentando e condividendolo sui social!!!
Seguite i link invece se volete leggere altri articoli del nostro DendroBlog.

 

Previous post

Verbena bonariensis, pianta rustica dall'abbondante fioritura

Next post

Fiori di Sambuco: riconoscimento, proprietà e usi in cucina

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.