Home»DendroBlog»a proposito di piante»Piante antizanzare: rimedi naturali per balconi e davanzali

Piante antizanzare: rimedi naturali per balconi e davanzali

7
Shares
Pinterest Google+

Le piante antizanzare sono un ottimo rimedio naturale contro uno tra gli insetti più odiati. “L’antipatia” deriva non solo dal fastidio causato nelle calde notti estive, ma anche per le gravi complicazioni che possono insorgere come nel caso della malaria. Le zanzare sono infatti vettori di numerosi virus. Altro esempio di virus associato alle zanzare è il Zika, flavivirus divenuto recentemente noto per i problemi legati alle Olimpiadi di Rio 2016, a causa della sua diffusione in Brasile.


Perché ricorrere alle piante antizanzare?

zanzara tigreE’ sempre più frequente sentire parlare di disinfestazioni su vasta scala, ma resta comunque costante la ricerca di difese personali. Tutte le estati infatti ci ritroviamo a dover a che fare con spray, braccialetti a ultrasuoni, zanzariere, pomate, stick e così via. Non tutti però sanno che qualche risultato può essere ottenuto anche con rimedi naturali, ricorrendo ad esempio ad alcune piante. Numerose sono le specie vegetali che hanno la capacità di dissuadere le zanzare dal visitare le nostre case. Per questo forse vale la pena provare anche ad ospitare nei nostri giardini o meglio ancora sui nostri balconi e davanzali, vasi e fioriere preparati ad hoc. Le piante di cui parleremo hanno la capacità di produrre naturalmente sostanze repellenti per le zanzare ed altri insetti nocivi. Decorare i balconi con queste piante vuol dire anche avere a portata di mano piante officinali e spesso di uso comune in cucina.


Piante antizanzare da balcone, alcuni esempi

Iniziamo a parlare di piante antizanzare parlando della lavanda (Lavandula angustifolia e numerose altre specie e varietà). Arbusto appartenente alla Famiglia delle Lamiaceae, apprezzato per la sua caratteristica fioritura viola. Aromatica dai toni intensi e inconfondibili, che ha un notevole potere repellente non solo nei confronti delle zanzare ma di numerosi insetti.

Melissa (Melissa officinalis) e geranio odoroso (Pelargonium crispum) sono altre due ottime opzioni. La melissa è una perenne appartenente alla stessa famiglia della menta (le Lamiaceae). Pianta molto profumata e dalle foglie commestibili, che ricorda un po’ l’ortica nel suo aspetto. Il Pelargonium crispum invece è un geranio particolarmente profumato, al gradevole aroma di limone. Si tratta di una pianta originaria del Sud Africa, ma che si adatta alla perfezione anche al nostro clima.

Se ci rechiamo in un’erboristeria, tra i numerosi prodotti che potremo trovare per la difesa contro le zanzare, la maggior parte saranno a base di citronella. Cymbopogon nardus e Cymbopogon citratus, varietà di citronella più usate, sono erbacee perenni e sempreverdi, particolarmente apprezzate anche in cosmesi, cucina e erboristeria appunto. Sono facilmente reperibili, rustiche e quindi di facile coltivazione.

Tra le piante che non dovrebbero mancare sui nostri balconi c’è poi sicuramente anche la verbena, nel caso specifico l’Aloysia citrodora. Arbusto dai fiori minuti, che in piena terra raggiunge anche i 2-3 metri di altezza. In questo caso le origini sono da ricercare nel Sud America.


Piante utili anche in cucina

La calendula (Calendula officinalis, ma ne esistono numerose altre specie) appartiene alla famiglia delle . Annuali, biennali e perenni note fin dall’antichità per l’estrema prolificità nella fioritura. I fiori inoltre vengono usati per la preparazione di squisite insalate.

Parlare di piante antizanzare spesso vuol dire parlare di piante appartenenti alla famiglia delle Lamiaceae (abbiamo già visto anche la Melissa e la Lavanda). Ecco allora che il nostro davanzale ideale dovrebbe ospitare anche:

  • la menta piperita (Mentha piperita);
  • il rosmarino (Rosmarinus officinalis);
  • il basilico (Ocimum basilicum).

Tutte piante molto note, che peraltro apprezziamo da sempre per il loro uso in cucina.

L’assenzio infine, genere Artemisia, è un’altra erbacea appartenente questa volta alla famiglia delle Asteraceae. Nota in farmacologia ed erboristeria è impiegata soprattutto per preparare distillati di assenzio appunto, base per numerosi amari.

Insomma non c’è che l’imbarazzo della scelta e come è facile intuire molte delle piante proposte offrono numerosi altri vantaggi. Gradevolezza della pianta e bellezza delle fioriture, possibilità di uso in cucina o di impiego per tisane. Una ragione in più per godere della vicinanza di qualche pianta anche in città. Buona coltivazione.


Se l’argomento e quest’articolo vi sono piaciuti ditecelo commentando e condividendolo sui social!!!
Seguite i link invece se volete leggere altri articoli del nostro DendroBlog.
Previous post

Verbena, fioritura per tutta l'estate

Next post

smarTrees srl, soluzioni per l'Ambiente

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.