Home»DendroBlog»a proposito di piante»Campanula carpatica, giardini rocciosi ma non solo

Campanula carpatica, giardini rocciosi ma non solo

1
Shares
Pinterest Google+

La Campanula carpatica è senza dubbio una pianta molto interessante per decorare giardini e appartamenti. Può essere coltivata facilmente sia in bordura, nei giardini rocciosi (interessante, in questo caso, l’eventuale binomio con le Verbene e soprattutto con la Verbena bonariensis, da porre in secondo piano rispetto alla campanula) o anche in vaso. Pianta molto decorativa e suggestiva perché facilmente tappezzante ed estremamente generosa nella fioritura.



Campanula dei Carpazi (Campanula carpatica)

La Campanula carpatica è originaria dell’Europa orientale. E’ una pianta sicuramente molto rustica, quindi relativamente resistente, che ama la mezzombra per una vegetazione ottimale, anche se si adatta con ottimi risultati anche a esposizioni più soleggiate. Come sempre per poter vegetare anche in pieno sole è fondamentale una abbondante irrigazione. Predilige terreni sciolti e ben drenati. Da evitare assolutamente substrati troppo compatti poiché gli apparati radicali marciscono facilmente.

Campanula carpatica - particolare della fiorituraLa Campanula carpatica è una pianta perenne, appartenente alla numerosa Famiglia delle Campanulaceae. Senza dubbio deve essere inserita nel gruppo delle Campanule nane, anche se tra quest’ultime è probabilmente una delle specie di maggiori dimensioni. Solitamente molto compatta nel suo sviluppo, si mantiene infatti entro i 30 cm di altezza.

Le foglie sono caratterizzate da un certo dimorfismo, essendo solitamente ovali, mentre diventano più rotondeggianti nella porzione basale della piantina. La Campanula carpatica è molto generosa per quello che riguarda la fioritura, con gradazioni di colore che possono variare anche in modo netto: questa specie infatti può essere reperita a fiori viola (var. Isabel), lilla, azzurri o bianchi (var. White Star). Le numerose varietà in commercio quindi garantiscono una scelta notevole. Si distingue però sempre per una conformazione tipicamente aperta delle campanule.



Campanula carpatica e giardini rocciosiTrapianto e cure colturali

Come detto in precedenza si tratta di una specie che può essere mantenuta con profitto sia in vaso che in piena terra, a costituire bordure, decorare giardini rocciosi oppure mantenuta in vaso. In quest’ultimo caso ovviamente assume maggiore importanza l’irrigazione costante. Nel caso di impianti in piena terra è consigliabile mantenere una buona densità, disponendo 5-6 piantine per mq. Se si desidera mettere a dimora giovani piante originariamente in vaso è consigliabile farlo a fioritura conclusa.

Per prolungare e stimolare la fioritura invece è consigliabile eseguire una cimatura dei fiori prossimi all’appassimento.

A fine inverno, inizio primavera è possibile potare (anche energicamente) le piantine, ciò favorirà anche l’impostazione di un portamento più compatto e fornirà materiale per una riproduzione via talee.



Campanula carpatica

Come riprodurre la Campanula carpatica?

E’ possibile riprodurre la Campanula carpatica sia da seme, anche se le ridottissime dimensioni dei semi creano non pochi problemi di ordine pratico, che per talee radicali.

Quest’ultimo metodo di riproduzione è quello da prediligere se si vuole essere certi di mantenere la colorazione dei fiori della varietà madre.

  • Riproduzione da seme – da effettuarsi in estate o in autunno avendo cura di ricoprire il terreno con una garza o con del cotone da mantenere sempre umidi in moda da evitare il disseccamento e quindi la moria dei semi e dei giovani semenzali. Una volta raggiunte dimensioni tali da poter essere maneggiate, le giovani piantine potranno essere quindi trapiantate.
  • Divisione o per talee radicali – In considerazione del notevole vigore vegetativo della Campanula carpatica è possibile procedere alla sua moltiplicazione per semplice divisione dei cespi. Altra soluzione è quella di ricorrere alle talee, prediligendo l’impiego le talee radicali. Nell’interramento delle porzioni radicali si raccomanda sempre di rispettare la profondità e la direzione di vegetazione originarie.




    Se l’argomento e quest’articolo vi sono piaciuti ditecelo commentando e condividendolo sui social!!!
    Seguite i link invece se volete leggere altri articoli del nostro DendroBlog.
Previous post

Benefici derivanti dalla presenza degli alberi nelle aree urbane

Next post

Verbena, fioritura per tutta l'estate

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.