Home»DendroBlog»a proposito di piante»Pianta di mirtillo rosso (Vaccinium vitis-idaea). Ecco come coltivarla a casa

Pianta di mirtillo rosso (Vaccinium vitis-idaea). Ecco come coltivarla a casa

3
Shares
Pinterest Google+

La pianta di mirtillo rosso (Vaccinium vitis-idaea) è estremamente decorativa. Da tempo infatti si sta diffondendo anche da noi, non solo per le sue bacche estremamente apprezzate in cucina e in erboristeria, ma anche come elemento distintivo nei giardini o sui balconi. Per la corretta coltivazione sono però necessarie condizioni ben precise e qualche accorgimento.


Come riconoscerla?

La pianta di mirtillo rosso è originaria del Nord America, anche se è possibile ritrovarla facilmente anche in buona parte dell’Europa. Come suggerisce il nome stesso si distingue dal più comune mirtillo nero principalmente per il colore delle bacche. Altra differenza fondamentale è data dal fatto che si tratta di una pianta sempreverde. Le foglie sono più spesse e coriacee rispetto al Vaccinium myrtillus e di un verde decisamente meno acceso. La pianta si presenta come cespuglio pollonifero, con un caratteristico sviluppo in orizzontale, rappresentato da tralci stoloniferi di lunghezza anche notevole.

Le foglie come detto permangono anche d’inverno, anche se in tale periodo virano il proprio colore verso i toni del rosso.

I fiori sono di colore bianco – rosati, e come già visto anche per il mirtillo nero (e in genere per tutte le Ericaceae), sono a forma di piccola campanula rivolta verso il basso. Sono raccolti in mazzetti e non isolati.

Il frutto è rappresentato da una piccola bacca di colore rosso brillante. La bacca ha una polpa ricca di semi ed una cuticola esterna consistente. Viene utilizzato in cucina (marmellata, succo, muffin, cupcake, ciambelloni, dessert, essiccati, etc.)

La raccolta dei frutti, prolungata perché scalare, avviene a partire da agosto e prosegue anche in settembre. L’epoca di maturazione comunque è  influenzata dall’altitudine, dalla latitudine e dal naturale andamento della stagione vegetativa.



fiore di mirtillo rosso - DendroLabs.com
I fiori di mirtillo rosso (Vaccinium vitis-idaea), sono di colore rosa pallido/bianco. Hanno forma di campanula, con l’apertura rivolta verso il basso.

pianta di mirtillo rosso - DendroLabs.com
Le piante di mirtilli rossi si caratterizza appunto per la presenza di bacche decisamente appariscenti di colore rosso acceso.


Coltivazione della pianta di mirtillo rosso

Il Vaccinium vitis-idaea è una pianta più esigente e meno rustica rispetto al mirtillo nero. Esige stazioni più fresche e sopporta meno l’esposizione in pieno sole, soprattutto, ovviamente, nei climi più caldi. Si presta quindi positivamente anche per la coltivazione in mezzombra.

Come per le altre Ericaceae anche la pianta di mirtillo rosso richiede terreno a reazione acida, con pH compreso tra 4,5 e 5,5. E’ molto esigente per quello che riguarda la disponibilità d’acqua, anche se soffre molto i ristagni. Nella coltivazione quindi sarà necessario prevedere regolari innaffiamenti, che andranno ad intensificarsi nella stagione calda.

Apporti nutrivi esterni dovranno tener conto sempre dell’esigenza di mantenere una reazione acida nel terreno. Errori nella concimazione potranno portare a fenomeni di clorosi ferrica e al conseguente forte deperimento delle piantine.

Per quello che riguarda le potature si consiglia di intervenire …. il meno possibile. E’ bene limitarsi infatti allo stretto necessario, asportando periodicamente solo il secco o semplicemente, se necessario, contenendo lo sviluppo eccessivo.

Si ricorda infine che, anche a causa della superficialità dell’apparato radicale, è importante mantenere sempre leggermente umido il terreno. Il substrato di coltivazione deve però essere ben drenante, altrimenti c’è il rischio concreto di marciumi radicali. Visto l’ambiente umido di vegetazione sono possibili attacchi da parte di un fungo che colpisce i frutti: il marciume grigio (Botrytis cinerea). In questo malaugurato caso asportare e allontanare le porzioni colpite, ma soprattutto agire preventivamente evitando ancora una volta i ristagni idrici.

mirtilli rossi - DendroLabs.com
Le bacche di mirtillo rosso non vengono consumate solo fresche, ma rappresentano la base per numerosi estratti, marmellate, sciroppi, etc.





Come ottenere una nuova pianta di mirtillo rosso

Per riprodurre il mirtillo rosso la via più facile è sicuramente quella di sfruttare la sua capacità stolonifera. In sostanza questa specie ha già di per se una grande capacità colonizzatrice.

In generale comunque, che si tratti di travasi, di spostare giovani polloni o più semplicemente mettere a dimora piantine appena comprate in vivaio, sarà sempre buona norma porre molta attenzione nel maneggiare gli apparati radicali, in quanto estremamente delicati.


Se l’argomento e quest’articolo vi sono piaciuti ditecelo commentando e condividendolo sui social!!!
Seguite i link invece se volete accedere allo speciale sul mirtillo.
Previous post

Pianta di mirtillo nero: riconoscimento, coltivazione e riproduzione

Next post

Marmellata di mirtilli (fatta in casa)

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.