Home»DendroBlog»a proposito di piante»Verbena bonariensis, pianta rustica dall’abbondante fioritura

Verbena bonariensis, pianta rustica dall’abbondante fioritura

4
Shares
Pinterest Google+

La Verbena bonariensis è una perenne appartenente alla famiglia delle Verbenaceae (frequenti nell’uso in erboristeria); ricordiamo che le piante annuali e perenni che appartengono al genere Verbena sono numerose decine (si parla di oltre 250 specie), e che abbiamo avuto già modo di parlarne nell’articolo: Verbena, fioritura per tutta l’estate.
Il particolare nome della V. bonariensis deriva dalla provenienza geografica di questa interessantissima specie, da collocare in Sud America e più precisamente a Buenos Aires in Argentina.

Verbena bonariensis e farfalle - DendroLabs.com


Caratteristiche della Verbena bonariensis

E’ una pianta molto elegante, dai sottili steli tipicamente quadrangolari e dal portamento slanciato. La Verbena di Buenos Aires infatti è in grado di raggiungere il metro e mezzo di altezza e oltre. Possiede internodi lunghi e produce fioriture molto generose, costituite da numerosi corimbi.

Le foglie si presentano con forma allungata, lanceolate. Sono dentate, rugose e disposte in modo particolare lungo gli esili fusti: distribuite cioè a coppie e tra loro disposte a 90°. Sono ricoperte da una sottile peluria e per questo sono dette tomentose. Finiscono, all’inserzione sul fusto, per “abbracciarlo”, in modo abbastanza caratteristico.

La fioritura, come detto abbondante, è particolarmente gradita a farfalle ed api. I fiori si mantengono copiosi in modo prolungato nella parte finale della primavera, in estate e parte dell’autunno.

Poiché occupa volumi solitamente inesplorati dalle erbacee (ricordiamo che può raggiungere anche il metro e mezzo di altezza) e dal momento che attrae numerosi insetti pronubi, è sicuramente da annoverare tra le piante che non dovrebbero mai mancare nei giardini. Abbinamenti di sicuro effetto dovrebbero prevedere il suo uso unitamente alla Lavanda, per giocare sulle sfumature e sui contrasti tra i colori delle fioriture, degli steli e delle foglie.




Se vi sembra eccessivo il suo sviluppo in altezza, oggi è possibile trovare in commercio una cultivar più compatta: Verbena bonariensis “Lollipop”. La cultivar “Lollipop” mantiene tutte le caratteristiche della bonariensis, fatta eccezione per l’altezza massima raggiunta, che è pari a circa due terzi dell’originale. 

V. bonariensis perenne sempreverde - DendroLabs.com


Come coltivare la Verbena di Buenos Aires

La V. bonariensis è una pianta rustica sia in termini di necessità idriche, non ha molte pretese, sia dal punto di vista fitosanitario. Non mostra infatti particolari suscettibilità a parassiti e patogeni. Ha una notevole capacità di riproduzione per seme, iniziando fin dai primi anni dall’impianto un’azione di “colonizzazione” del sito. Proprio in considerazione di questa sua peculiarità, si consiglia di raccogliere i minutissimi semi, impiegandoli a primavera inoltrata l’anno successivo, per completare aiuole e bordure informali.

Acquista su Amazon.it

Si tratta di una pianta che vegeta bene in pieno sole e che sopporta temperature minime invernali che giungono fino ad una decina di gradi sotto lo zero. Il suo habitus invernale è inalterato, solitamente quindi non perde le foglie, a meno che non vi siano inverni troppo rigidi, nel qual caso sopravvive solo la rosetta basale. Le porzioni epigee più esposte disseccano. La primavera successiva si può però notare la ripresa vegetativa a partire appunto dalla rosetta basale.

Per favorirne l’accestimento si può ricorrere alla cimatura delle giovani piantine, già a partire dal momento in cui raggiungono un mezzo palmo di altezza. Per garantire un migliore svernamento si può ricorrere a piccoli accorgimenti, come la pacciamatura, per proteggere la porzione basale della pianta.

V. bonariensis - DendroLabs.com


Quali sono le sue esigenze?

In conclusione riassumiamo in breve le esigenze e alcune caratteristiche salienti della Verbena bonariensis:

  • luce: vegeta in pieno sole;
  • acqua: poco esigente;
  • riproduzione: da seme;
  • terreno: leggero, ben drenato e ricco di sostanze nutritive;
  • altezza: un metro, un metro e mezzo;
  • fioritura: abbondante e prolungata;
  • colore: viola tenue, viola, blu-violetto.





Se l’argomento e quest’articolo vi sono piaciuti ditecelo commentando e condividendolo sui social!!!
Seguite i link invece se volete anche qualche info sulla coltivazione e riproduzione delle altre Verbene o se volete informazioni sull’impiego in erboristeria della Verbena officinalis.
Previous post

Mirtilli rossi essiccati ... per un pieno di energia e giovinezza!

Next post

Il giardino di Monet a Giverny, un angolo di paradiso nel nord della Francia

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.